Vivro’ fino a quando non sarò riuscito a trasmettere a tutti queste piccole cose…

….è molto tempo che sto tentando di farlo e mi auguro solo che ci sia qualcuno che abbia capito e continui a riproporlo.La prima, sicuramente la più importante trattandosi di una risposta precisa al senso della vita: la  morte non esiste. Di  conforto per quanti sanno che stanno per chiudere gli occhi ma ignorano che non si chiude il sipario ma che inizia la lunga vita.L’eterna.Un dono di Dio poter testimoniare il racconto di un frate cappuccino vicino alle piaghe di un  santo che ho conosciuto: Padre Pio il Santo e Fra Daniele Natale il frate tanto caro allo stigmatizzato.Per me come un  fratello e ho avuto l’onore di poterlo testimoniare alla commissione che ha indagato sulla sua vita di uomo e religioso. Le sue virtù. Durante un intervento chirurgico al regina Elena di Roma del 1955 ha avuto il privilegio di un viaggio nel Cielo:andata e ritorno. Nulla di nuovo rispetto al Vangelo,alla vita del Cristo  con i suoi miracoli, dalla nascita alla Resurrezione.Battesimo,Trasfigurazione con le sue continue raccomandazioni di attenzione agli errori del corpo per evitare la geenna.Dio è giustizia assoluta e misericordia infinita ma gli errori saranno sempre inferiori ai gesti di amore compiuti da noi. La purificazione del corpo  permetterà all’anima di  salire nel Cielo sopra di noi. E’ normale che si debba rendere conto delle nostre azioni: nulla di strano che si debbano pagare la mancanza di rispetto, assenza di amore.Cristo è un messaggio di amore da parte di Dio:un messaggio per tutte le creature del mondo.I più responsabili di questo messaggio siamo noi cristiani se facciamo i finti tonti di non averlo capito. I grandi maestri dell’amore i nostri bambini.Se qualcuno, amici o più famiglie,piccole comunità o persone interessate  di conoscere i dettagli  sarò ben lieto di farlo con l’aiuto dello Spirito Santo e della mia memoria.Gratuitamente e con amore come ho sempre fatto. Un’ amica mi dice: ” tu vai preso a piccole dosi “…le altre piccole cose. Una per volta. Sono sereno e felice di farlo..ma debbo tener conto che sto camminando nell’OTTANTOTTESIMO anno…e non è rovesciabile 2088…solo divisibile 44  + 02 . 46 possibile nel calcolo delle improbabilità. ciao !     Fiorello Paci    

Tags:

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>