Vita a capitoli senza numero di pagine…Renzi Fi.

Ricordarlo è semplice basta un richiamo  nel tempo il poblema rimane quando vorrei capirne il motivo nasce il problema.Lì  diventa  impossibile e debbo solo prenderne atto sapendomi accettare. Ringrazio Dio di questo dono straordinario con la rassegnazione consapevole razionale di vivere però  tra spazio tempo con  una  finestra nell’eternità. Non potrebbe essere diversamente per rivedere pagine di 67 anni fa con la possibilità di poterle ancora leggere come se fossero state scritte  pochi minuti fa. Poniamo il caso Renzi, il politico che ha cercato di risvegliare il vero senso della politica  con la passione della governabilità. Ovviamente non  non condiviso da chi vede la politica invece  come strumento di potere. Una professione ambita per una vita agiata senza tanti problemi da mettere al sicuro un paio di generazioni: questo il tarlo e la zizzania che nessun politico è stato in grado di poter togliere dopo 70 anni circa di democrazia. Non c’è da stupirsi che ci siano gruppi o persone disposte a vendere cara la pelle per mantenere posizioni o cerchini di conquistarle. C’è solo da meravigliarsi che gruppi e persone inserite nel messaggio cristiano non l’abbiano fatto o non abbiano tentato di eliminare il privilegio dalla politica. Se non è stato fatto ci saranno pure dei motivi e sicuramente il primo in quanto fino ad oggi c’erano stati solo santi o eroici sacerdoti che si erano posti contro questo sistema marcio e corrotto senza l’aiuto di tutto il potere religioso: oggi stacambiando con Papa Francesco. ci sono ostacoli insormondabili.Un sistema così  per la valanga di interessi da eliminare impossibile da risolvere: milioni di persone  inutili da spedire a casa che rappresentano il fasciame del sistema. Si assumono robot per alleggerire nuove spese senza vederne il risparmio: questa è la realtà. Si salvano le grandi imprese e faticano a stare in piedi le piccole. Il criterio fiscale n on può essere diverso per non far crollare la complessità di un sistema consolidatosi a tal punto da diventare istituzionale: e la soluzione?…distruggere Renzi. Non facciamo ridere i passeri.Matteo Renzi, non sarà bello ma è sicuramente intelligente per arrivare dove è arrivato con il voto popolare, ha intorno accaademici di contorno che  risolvono poco ma anche uomini decisi che potrebbero sradicare le radici di questo marcio radicato in ognuno di noi difeso con le unghie: l’egoismo che resiste dappertutto. Dappertutto significa ovunque: San Paolo di Tarso scriveva le lettere alle varie Chiese e la prima chiesa era Lui .Parlava a se se stesso,il primo degli altri,  il diffusore di Cristo tra le genti. Il grande Paolo  di notte cuciva tende per non essere di peso dove passava per la predicazione. Un esempio per tutti. Sono stato assente anche dal giornale per questa lunga pausa di Esercizi spirituali e ho imparatouna bella lezione di vita pratica: non aver paura di difendere le persone giuste che hanno scelto la via del Signore. Non dobbiamo temere le parrochesse che giudicano: l’esercito della salvezza dei film. sono anche queste. Vanno sopportate. La zizzania dovrebbe scomparire con il passaggio del santo spirito: stiamo attraversando il momento della verità.L’irrisolvibile per i  nostri limiti.Ma l’impossibile non esiste nel vocabolario di Dio. Siamo tra le sue braccia. Dal Cielo Dio  ha fatto sentire la sua voce…Durante il Battesimo del Figlio e durante la  suaTrasfigurazione”..è il mio Figlio prediletto, ascoltatelo…”…è  più facile scappare…fuggire che ascoltare Cristo….A me Cristo mi fa incontrare le persone decise…quelle mi piacciono. Di un piccolo Renzi, primo corso professionale Firenze, anno scolastico 51/52 o Borgo san Lorenzo 50 /51 ne parlerò nel prossimo articolo…un ragazzo schivo…solo… con un senso spiccato per l’ironia..ultimo banco a sx..tarchiatello..buono…

Fiorello Paci

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>