VENTO DI SPERANZA….della pace ISAIA a Gerusalemme tra cristiani

p

di Paola Tassinari

Si sta svolgendo in questo periodo, durerà sino al 2017, il restauro dell’edicola del Santo Sepolcro, eretta in quello che la tradizione riconosce come il luogo della sepoltura e della resurrezione di Gesù. I lavori verranno svolti la mattina presto o la sera tardi, così i pellegrini potranno visitare ugualmente i Luoghi Santi. Ma non è questa la bella notizia, la buona “nuova” è che dopo molte sedute e incontri si è giunti ad un un’intesa e i lavori hanno avuto inizio. Occorre sottolineare che all’interno del Sepolcro officiano cinque diverse confessioni cristiane: i Latini (i monaci francescani), i Greci, gli Armeni, i Copti e i Siriani e che per ogni, anche seppur minimo cambiamento, occorre tener conto di tutte le comunità. Forse ricorderete che qualche anno fa, precisamente nel 2008, si presero a cazzotti i vari monaci delle confessioni cristiane, con grave scandalo, perché il fatto fu visto, tramite la televisione in ogni parte del mondo. Quando c’è passione per la propria Fede può capitare di volerla difendere a tutti i costi, ma poi bisogna pentirsi, e operare in Pace per amore e ricordo di Gesù e in questo restauro, l’accordo c’è stato. Ma non è tutto qui, il re Abdallah di Giordania, un sovrano musulmano, ha deciso di pagare di tasca sua, una grossa parte dei 3,5 milioni di dollari necessari alla realizzazione del progetto. Il sovrano giordano, un tempo custode “super partes”dei Luoghi Santi islamici e cristiani, la Spianata delle Moschee dista dal Sepolcro circa 300 metri, lancia una nota di avvicinamento. Nel 1959, le tre principali religioni cristiane (greco-ortodossa, latina e armena), raggiunsero un accordo per mettere in opera il grande cantiere di restauro, ogni cristianità intraprese i lavori negli spazi di sua pertinenza, i lavori terminarono nel 1996, ma la tomba di Cristo rimase in un stato fatiscente. Mi pare che questo evento sia una grande apertura al dialogo, le litigiose comunità cristiane che hanno smesso di essere rissose e la “new entry” del monarca musulmano, mi sembra proprio l’inizio di un cammino fiorito, o almeno un soffio di vento primaverile e di speranza.

http://teodericaforum.blogspot.it/

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>