SABATO UN GIORNO DA SEMPRE SPECIALE

POSSIBILE CHE che un giorno della settimana, possa e debba essere il muro che separa due mondi, da sembrare più resistente di una muraglia cinese se ancora continua a dividere, a distinguere popoli e pensieri ? E’ possibile. Il diaframma tra il popolo ebraico e il popolo cristiano è proprio un giorno della settimana: Il SABATO. Aveva provato Gesù ad abbatterlo, sostenendo che l’uomo non aveva poteri da renderlo sacro al punto da chiudere qualsiasi gesto da non poter muovere un dito. Una sfida consapevole del suo costo,quella del Cristo,ma continuava a considerarlo giorno della settimana come uno gli altri sette.Avvicinarsi al bisogno,infilarsi dappertutto,sostare  in presenza di ammalati, ascoltare,cercare il Padre con uno sguardo al Cielo e guarire dopo aver chiesto se lo avessero desiderato.Non appena avesse scorto la fede,che avessero creduto alle sue parole, gli ammalati guarivano da ogni tipo di malattia. Una riserva la poneva quando avvertiva  o capiva che la guarigione ,il miracolo aveva bisogno del contributo di più persone, con digiuni e preghiera.Mi verrebbe da pensare che si potesse riferire a malattie connesse a violazioni all’albero della vita.Un tipo esigente Gesù Nazzareno: un maestro, una Scuola.Era geloso, non voleva intrusioni tra gli insegnamenti del Padre e le leggi dell’uomo che travalicassero gli esatti confini posti nella Genesi. Motivo di scontro tra due giganti: Il Cristo,impegnato a far capire di essere il Figlio di Dio con dimostrazioni precise,  mostrando loro di essere il riferimento dei Profeti e il popolo ebraico certo  di essere il popolo prediletto da Dio,orgoglioso per le proprie Leggi e tradizioni di un Sabato intoccabile. Un giorno speciale accarezzato da Leopardi con quella bella poesia “Il sabato del Villaggio”.Benito Mussolini lo ha definito “Il Sabato fascista”. La cultura del terzo millennio di origine romana:”La Febbre del Sabato sera” Per il vostro cronista: il giorno che precede il giorno di riposo. E’ sabato e spalanco una finestra che dia la possibilità al popolo ebraico di scorgere in Cristo il sorriso di Dio: fratelli del popolo ebraico è il tempo che saliate sul monte con un vostro messaggero per annunciare la pace nel Mondo.L’ha descritto il profeta Isaia: il compito è vostro.E’ sabato.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>