RIMINI SULLA STRISCIA DI PARTENZA…PER LA MARATONA ESTIVA

E’ una scena del film che si ripete ogni anno, la scesa in  campo degli albergatori,il solito pianto prima che il borgomastro abbassi la bandiera del via. Consuetudine portafortuna,lacrime scaccia crisi,come il pianto di finestagione un rito per chiudere la porta all’Agenzia delle Entrate. La città ha tirato fuori dai cassetti l’abbigliamento anni 60, per esorcizzare tutti gli evidenziatori di una crisi scappata ai vocabolari per un rifugiarsi dentro le teste dell’uomo.Viali, centro storico,zona mare, alberghi addobbati da fiori speciali coltivati in inverno nella serra Speranza. Il mare una banca che alimenta la Banca di Rimini e le altre paracadutate dalle altre regioni. Questo mare una ricchezza come Natale, che sospende per quattro mesiogni riferimento, commento,statistiche, dati riferiti alla sospensione dell’economia: un profilo da riviera dei fiori. E’ la vita che ritorna in spiaggia per cancellare ogni traccia di inverno: una fortuna  riuscire ad avere una musica scacciapensieri. Il merito è di Colui che è. Buona notte: chiedo scusa. Stavo dormendo sulla tastiera: non è una novità. Mi era già capitato una sera di tardo autunno per il sorriso degli amici di fb arrivato da Roma. Vi aspettiamo a Rimini, la città di Fellini,di Paolo e Francesca: la città della danza delle scuole d’Italia del Castello Malatestiano.

 

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>