Rimini parte con l’Aida…quando l’amore vince sulla legge

Ho voluto concedermi due ore di spettacolo in questo primo giorno di Gennaio assistendo al Palace Congressi di Rimini ad un Opera di Verdi, l’Aida. Spettacolo sul palco e sugli spalti. Avevo iniziato ad interessarmi  di questo genere musicoteatrale lo scorso anno con il Barbiere di Siviglia ad inizio anno continuando poi nel corso dell’Estate con altri due capo lavori  con  finali tragiche da impararne sempre qualcosa  per la vita. Visto che il teatro si rifà sempre ad episodi di cronaca partendo dai classici ai giorni nostri:il teatro non ha dimestichezza con la fantascienza anche se il trascendente entra spesso tra le quinte. La finale dell’Aida si allinea casualmente con la giornata di oggi dedicata dalla Chiesa cattolica alla pace. I due protagonisti, Radames guerriero egiziano con la promessa di successione al proprio re con il matrimonio della figlia . Aida prigioniera degli egizi era entrata nelle grazie di Radames al punto da suscitare tra i due una vera relazione: un uomo e una donna divisi da confini e uniti dall’amore terreno. Radames con una variante di essere promesso alla figlia del proprio Re con diritto alla successione e di fatto innamorato della figlia del padre,il Re etiope, nemico dell’Egitto. Aida rimproverata aspramente dal padre e accusata di tradimento come Radames con l’accusa e condanna a morte del proprio Re a mezzo  sepoltura vivo per aver passato al nemico informazioni militari con l’indicazione dell’ora e del luogo dell’attacco egizio al popolo etiope. Radames per  la  sua disperazione di non poter più vedere Aida le augura una vita felice e quando accetta la condanna senza cercare una discolpa appare il risvolto della tragedia. Aida lo raggiunge per entrare viva nella tomba assieme a Radames. La sconfitta della legge per l’energia dell’amore: tra i due nemici non c’era solo passione altrimenti Radames avrebbe potuto discolparsi e Aida avrebbe potuto essere anche graziata. Aida invece  ha offerto la propria  vita per il suo guerriero: e questo è amore che si riallaccia sia alla giornata di pace di oggi che alle feste natalizie: il bambinello che offre la vita per tutti noi. In una croce di legno. Aida oltre che regina, una donna eccezionale: sono rare,ma ci sono. Beato chi le incontra.Anche il sorriso è un dono.Mi pare di ricordare un articolo …amare fa rima con donare. Sicuramente è più gratificante che ricevere. Buon anno.  Fiorello Paci.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>