Oggi oggi pomeriggio lavori di casa, pane,domani preghiera e saluto alla spiaggia ….

..che mi piacerebbe vedere da qualche miglia. Questa bella città di mare,prima che,sotto la ferrovia si addormenti o  finga di addormentarsi.Erano anni, e forse  non l’avevo mai seguita la ballata di lavoro e di passione come ho potuto godermi quella in corso. Non mi era stato possibile prima,per mancanza di tempo e da qualche anno per l’amore ai nostri monti.Un patrimonio sconosciuto al turismo rivierasco. Un alternativa preziosa per i giorni di stanca  degli albergatori.Ho potuto constatare di persona il lavoro estivo sia per l’espressione del suo impegno che lascia pochi spazi a chi lavora e la eccezionale professionalità degli operatori di spiaggia. Questa mattina arrivando in spiaggia a san Giuliano mare eravamo in due..io e il mare..e una spiaggia che sembrava appena  passata dal parrucchiere. Ho tentato un video affascinato dal suo silenzio da quell’amore che distingue qusta gente di mare per la propria spiaggia.Un sogno che mi ha riportato indietro nel tempo…con mia moglie che amava poco il mare..e io amavo tanto il mio lavoro…mi sono ricordato invece di una trasmissione televisiva  che aveva raccolto tanti consensi tra i bagnini…e tanta poca simpatia tra i venditori di cocco bello..quando di dicevo con lo sguardo a Marco Magalotti di infilare l’occhio della telecamera dentro i secchiello del cocco…bello. Marco Magalotti era il mio cameraman, intelligente e sveglio:un amico vero. Quest’anno ho potuto rendermi conto dal di dentro del lavoro nei vari ambienti notando una notevolissima professionalità tra gli addetti alle varie mansioni della riviera di Romagna.Si capisce il motivo del successo che va oltre il risparmio..un trattamento più che familiare , che scaturisce dalla mente e dal cuore. Debbo anche riconoscere che questo ritrovato amore per il mare  mi è stato trasmesso casualmente da una persona che lo ha amato sempre.Vorrei fare un elogio a chi lavora per renderci una vita serena…il mare sfianca…e ci sono operatori che possono permettersi un lungo periodo di riposo..ci sono altri che dall’adriatico passano alla Costa Azzurra…una tranzumanza da un mare all’altro..come una volta succedeva tra i monti…ma tutto cambia  mentre invece a Rimini è più di un secolo, che questa ricchezza non  cambia mai..ecco perché domani sera..voglio gettare un fiore a qualche miglia per ricordare chi l’amava tanto..per chi l’amava poco…ma l’estate non finisce mai…se hai un ricordo…una conchiglia nel cassetto…e una goccia di mare. Il nostro mare è sempre azzurro .      Fiorello Paci

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>