NON POSSO far finta di nulla se…quel che succede non sia un segno di amore del Cielo

ogni giorno un paragrafo di un libro:la vita, la mia la tua la nostra, la loro.Un libro sfogliato dal vento, seguito dal cielo di tutti, letto dagli angeli , suggerito e sussurrato sottovoce da Dio.Se il cuore è pieno di luce si ascolta e si scrive trascrivendo quei messaggi di pace di amore da leggere per l’uomo distratto. Attratto troppo da  sogni e dall’effimero se si ferma  soltanto incontrando sirene e miraggi. Nascosti in vetrine ma più gremito rimane il tempio del Web. Di fatto il nuovo mondo dell’uomo geniale e  creativo…certificato…dichiarato… che è cosa buona. Proprio come  la lettura di oggi della genesi: la creazione del mondo, eseguita con precisione. Evidente la mano di un Archetipo, un Demiurgo con una grande fiducia dell’uomo se lo ha messo al centro di tutto facendolo padrone assoluto. Non l’ha affidato ad un uomo solo…all’uomo. Ma l’uomo chi è..cos’è…sveglia non dormire…ti sta addormentando abbracciato al tuo tablet, allo smart fon..il tuo mondo: ti sei dimenticata, sei smemorato hai dimenticato una cosa importante. La pastiglia della memoria, sei distrattina, coraggio non temere e seguimi.Accendi la luce,prendi la Bibbia e leggi la Genesi: ti sentirai padrona del mondo. Lo so che chiameresti accanto a te Trump e Putin per avere il tuo pezzetto di mondo un sacro diritto voluto e sancito dal re dei Re, l’Altissimo: al di sopra di Lui nessuno. Il Comandante, supremo, assoluto. L’uomo nel Paradiso terrestre ha mancato ad un  impegno preciso, ad un ordine.Ne stiamo pagando il prezzo: avremmo potuto essere tutti padroni ed è cambiato lo schema distributivo del profitto. Non più padroni ma soggetti al lavoro: sudore e fatica. E’ qui che l’uomo ha manifestato la propria voracità: non sono bastati i continui richiami dei profeti, non è stato neppure sufficiente l’invio del proprio figlio sulla terra per riportare l’uomo alla sua dignità che egli animali invece riconoscono. La Giustizia e il senso dell’amore sopraffatto dall’odio e dal rancore. E’ assente nel volto dell’uomo la gioia per la gioia del fratello, se appena la scorge nel proprio prossimo, nel vicino. Negata dall’uomo un pò di felicità cancellata dalla gelosia, morsicata dall’invidia capace solo di suscitare odio. Ma Dio c’è, ci ama tutti presente come nel primo attimo quando siamo stati pensati. tu, io,tutti. Ho una presenza su fb e rispondendo a…vado a controllare che cosa ho scritto 10 ore fa: ” buon giorno a tutti, speriamo che ritorni il sole e se pretendessimo di chiederlo per grazia a Dio non dovremmo stare con le “mani in mano” ( Padre Mauri un Servo di Dio ). Il cielo era nero e io ho fatto anche il bucato  ma nella mia chiesa di San Giuliano avevo chiesto a Gesù di non farmi fare una figuraccia stendendo il bucato mentre stava per piovere…come e mat dla Castlazza…una commedia dialettale degli artisti di Rivabella…il bucato è già pronto per la stiratura…bello l’Arcobaleno della pace tra Dio e l’uomo. Progetto Isaia: sarebbe bello farlo partire da Roma. E perché no …?  DALLA SINDACA…herrare umanum est !    F.Paci

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>