MADRE DI DIO (prima parte)

Madre di Dio photogramio 1

 

Il mio blog “Immagini di chimere”, tratta appunto di favole, chimere e sogni. Amo le religioni, tutte, ma sono cresciuta con quella cattolica, quindi sono di fede cristiano/cattolica, che amo e non cambierei con nessuna, pur rispettando tutte le altre. Amante della mitologia, del passato, dell’antropologia, e soprattutto delle favole, mi sono avvicinata alla religione con lo stesso approccio che ho riservato alle favole e al mito, in quanto ciò che si racconta nella Bibbia, nei Vangeli, anche in quelli apocrifi, sembra un’assurdità. Eppure si sà che nelle favole c’è la verità trasportata in metafora e che il mito pure racconta il passato con la poesia, quindi anche nella religione c’è Verità per quanto assurda possa apparire. Per dimostrarlo farò una serie di post che riguarderanno i titoli dati alla Vergine. Per ipotizzare e credere in questa figura che in molti deridono in quanto non può avere partorito rimanendo vergine.Inizio col titolo, Madre di Dio, e non posso non pensare alle parole di Dante: Vergine Madre figlia del tuo figlio… cosa vuol dire? E’ tra le parole più belle che si trovano nel Paradiso della  Divina Commedia. Siamo tutti figli di Dio.  Cristo, è figlio di Dio, è fatto della stessa sostanza del Padre ( generato e non creato, si dice nel Credo durante la Messa) dunque anch’egli è Dio, ed è nostro Padre. Maria è, nel contempo: Vergine perché non ha “conosciuto uomo”. Madre, perché ha generato un figlio, e in senso esteso  è la Madre di tutti noi. Figlia del tuo figlio, perché ha generato proprio il Dio, Padre di tutti.

immagine: Elaborazione al computer della raffigurazione della statua della Fede che si treva alla Chiesa della Gran Madre di Dio a Torino… Senza titolo

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>