LA SERENITA’ NELLA CAPACITA’..ARMA VINCENTE dell’Italia lavoro…produzione

…..e sviluppo.Occorre un cuore, quello italiano che ha dimostrato al mondo da sempre ed in Europa dopo il conflitto, durante la ricostruzione. Germania e Francia Belgio Inghilterra i nostri banchi di lavoro, case e palazzi industrie e ferriere parlano un solo linguaggio: l’italiano. Per non sentirsi minorati o inferiori dovevano salire e attaccarsi all’ironia..spaghetti e maccheroni  la loro fortuna ieri per l’energia che ricevevano  i nostri muratori, minatori, calzolai,tessitori, i nostri azzurri quando  sui tornanti al Tour o al giro d’Italia  sulle Alpi o nei Pirenei Bartali e Coppi glie le davano di santa ragione. Ieri ..oggi addirittura i nostri spaghettifici and maccheronifici sono andati ad arricchire i nostri detrattori di ieri. Tanto per la cronaca: gli italiani probabilmente dormono ma attenzione che i migliori sono svegli e stanno dando la dimostrazione di esserlo in ogni parte del mondo.Chiedo solo all’America, all’Inghilterrra, alla Germania alla Russia e al Giappone: avete tante belle nostre energie. Trattatele bene, ma soprattutto,cari padroni dovete far in modo di far loro trovare un ambiente sereno,che non debbano subire il peso delle loro capacità, da dirigenti ottusi o invidiosi.Il lievito italiano è solo tricolore. Ci sono le regioni ma è cosa nostra, la mente e il cuore vanno da Torino a Lampedusa da Trieste a Lecce. Se ci sono stati tradimenti nell’Amministrazione dei territori, per migliori risultati di giustizia,  come avrebbe desiderato don Sturzo la pagheranno cara i traditori. C’è in corso una resa di conti. Debbono solo tornare in ogni settore del lavoro e delle professioni, dell’industria e dell’artigianato. Sul commercio la rasoiata ha dato i primi risultati. La serenità con la capacità produce e per gioire è il risultato di un equa distribuzione del profitto la molla per mantenere successo. Il risveglio è competizione: l’Italia era maestra, ma lo è ancora. Le sanguisughe la nostra rovina.  Un analisi che va affrontata: non solo riforme. E’ la coscienza che manca. Come si può essere sereni ? 

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>