La Russia non ha bisogno di guerre ma di calore per riscoprire il lavoro e la libertà di fare

Che solo in parte  aveva riscattato la rivoluzione di Ottobre  liberandosi dal  despotismo zarista. Tolto un male ne è risorto un altro scaturito da un egoismo umano tra le pieghe di una  mascherata oligarchia democratica. Lo stesso che è  maturato dopo la caduta del muro di Berlino prima e del Bolscevismo poi. La scomparsa di autonomia e libertà dipendendo  totalmente da ogni iniziativa statale, un principio probabilmente giusto e possibile nei margini della giustizia sociale ma assolutamente deleterio che toglie  all’uomo ogni desiderio di miglioramento. Distrugge invece genialità e creatività favorendo indolenza la via diretta dell’alcolismo. La lenta e progressiva distruzione dell’uomo e  della famiglia che solo il sudore e la tradizione rurale hanno parzialmente salvato, Questa è la Russia  che solo il tempo e il desiderio di fare possono guarire. Tutta su queste poche righe lo scarso risultato delle truppe russe rispetto all’entusiasmo di combattere  dimostrato dagli Ukraini.  La guerra tra i due popoli fratelli è ad un punto morto aperta a qualsiasi soluzione e se esistono  ancora delle grandi potenze che ragionano non devono in alcun modo avvalersene. Debbono solo indurre il Presidente Putin  a firmare un trattato di pace.La Russia ha bisogno solo di calore  per rinascere…l’opposto di cui ha bisogno l’Africa.Ma non di giocare al pallone ..ma di porre fine  allo svuotamento di materie prime delle cosiddette grandi potenze. Signore libera li schiavi presenti in ogni potere.    Fiorello Paci  

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>