LA PIRATERIA FA RIBREZZO CHIUNQUE SIA IL PIRATA…SCHIFO SE ignota

MI DISPIACE USCIRE DAL TEMA DEL VELIERO LA RICERCA DEL BUONO E DEL BELLO. Vi parlerò  solo del bello e del buono di quest’episodio,accaduto dopo l’uscita dal negozio del pesce di via Bissolati. Dopo i convenevoli con Ambra, la mamma di un commercialista e altre due simpatiche signore m’avvio verso casa della mia Matteotti street. Come sempre dopo la camminata e la messa quotidiana delle 8,30. Saranno state le 9,10. Sento una carezza sui pantaloni a sx a seguire un morso sul gomito lato sx a tre punte. Sfioravo una macchina parcheggiata prima delle poste di Via Bissolati: senso vietato con tanto di segnale stradale. Se fossi stato di qualche centimetro a sx mi avrebbe spezzato una gamba: questo mirabile imbecille. Stavo pensando alle mie sogliole, quando è passato l’imperturbabile. Ha girato sulla dx  di Viale Matteotti: ho cacciato un urlaccio al vento, alla macchina rosso acceso targato FO…fogna un elemento così. Ad un signore, che stava uscendo di casa andando verso la propria macchina, ho chiesto chi fosse il trasgressore:-“..una donna…una signora vecchia..” Ero a piedi e i motori giravano a mille. Ho proseguito fermandomi ala parcheggio della Villa Maria, amici. disinfettano ed entro in casa. Prendo il disinfettante antibatterico e riflettendo che il buon Dio potrebbe anche stancarsi che faccia sempre il materasso,vado dai Carabinieri.Cavalieri del periodo Medio Evale: gentili ,accorti, tempestivi, pochi.Volevo solo segnalare che un altro della mia età, od un bambino, sarebbero finiti sotto le ruote di una folle sciagurata schifosetta.In  52 anni di guida, pur camminando di giorno di notte all’alba tra neve tempeste su ghiaccio  ho evitato tragedie,come lo scorso fine novembre, zona Celle Cop, alle 22 tratto buio con una donna al volante, bloccatasi e occupando tutto il mio lato dx con una frenata su strada umida per nebbia. Era sbucata da una secondaria lato monte con tanto di assistente sul ciglio: il testimone. E’ partito un urlo tarzan con una sgommata dell’incidentabile e la fuga del testimone. Ero fuori dei gangheri ma in macchina sono di una freddezza da pilota rally. In tanti anni tra caprioli e cinghiali, strade ghiacciate dei monti,non ho mai sfiorato una mosca. A Rimini nonostante i musi lunghi, le erbette fresche di gelosia ed invidia, le paure degli spauracchiari dei semina paure, non ho mai commesso, un’ infrazione: forse un sabato sera rientrando da Cattolica a Miramare in un incidente stradale mi son o fermato di fronte a due ragazzi a terra dalla moto con  la gente che guardava…: sono saltato giù dalla macchina…il ragazzo sanguinante..dice …”Prima lei…”….abbiamo abbassato il sedile con un altro motociclista …andando velocissimo al vecchio Ospedale…perdeva sangue dalla bocca..dalla fronte..mandava baci  …al pronto soccorso stava uscendo l’ambulanza….Ho chiesto dove andassse al poliziotto ..a Miramare…la risposta..con la ragazza in barella che due mesi dopo si sono sposati. Alle 13 di oggi mi ha telefonato mio figlio mentre mangiavo..”,,babbo come stai..?”…”..benissimo Dani..”…”…il braccio babbo”….”..come fai a saperlo…?..”..” ..al pronto soccorso sei andato…”…”..Nò…!”…Lui come giudice ha ragione..conoscendo gli orari… la carenza di personale ho preferito aspettare. In caso di complicanze l’episodio è noto. Come giornalista della strada entro tre giorni avrò la foto di quella donna sciagurata.Sarà meno imperturbabile. La pirateria fa proprio schifo..fortunatamente gli Angeli di Dio sono degli ottimi piloti e prendono il posto degli imbecilli.Nel gomito il ricordo di una ferita a tre punte. Che mira..la neo signora omicidi….

fiorello paci

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>