LA FIFA DEL PALLONE COLPITA CONTROPIEDE: NAUSEA.

NON VOGLIO NEPPURE IMMAGINARE CHE UN CAMPIONE COME PLATINI ABBIA INTASCATO 30 DOLLARI NON DOVUTI: NON E’ STATO EDUCATO DA POTERSI RICONOSCERE IN GIUDA. E’ UN SIGNORE DEL CALCIO CON SALDE RADICI IUVENTINE: NON SAREBBE LO SCOPPIO DI UN PALLONE, SE FOSSE TUTTO VERO SAREBBE LA FINE UN SISTEMA. AVENDO AVUTO IL PRIVILEGIO DI INTERVISTARE UMBERTO AGNELLI QUALCHE GIORNO DOPO LA SUA CHIAMATA ALLA PRESIDENZA DELLA FIGC..(  CONVERSAZIONE SU TEMI CHE GLI HANNO SOTTRATTO TRE H PREZIOSE DI TEMPO: DALLE 16,30 FINO ALLA CHIUSURA. Intervista iniziata con queste parole:” Posso dedicarle 20 minuti: ho fatto introdurre lei, sono molto interessato di iniziare il mio mandato trattando il tema del rapporto Calcio giovanile/Scuola.” Ha interrotto la conversazione il custode della sede iuventina. “Presidente è l’ora di chiudere.”Mi spiace, la voglio rivedere, mi interessa l’argomento. Andiamo prima che ci chiudano dentro” Un signore, un gentiluomo, un educatore. L’altro personaggio intervistato al suo tramonto Niccolò Carosio. Sono certo che nell’apprendere la notizia si saranno rivoltati nelle tomba. E’ stato lo tsunami in mondo che stava cominciando a scricchiolare. La presenza dell’industria, della produzione,nel rettangolo verde,ha provocato il capovolgimento di valori che hanno ridotto uomini in robot, il calcio in un pozzo di petrolio. Sconcertante la notizia di uno sport finito tra i burattini di Mangiafuoco. UN NUOVO PAESE DEI BALOCCHI, L’ORTO DEI MIRACOLI: SPERIAMO CHE IL GATTO E LA VOLPE RIMANGANO SOLO PAGINE DI COLLODI. SCUSACI PINOCCHIO.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>