LA CALZA PER UNA PERSONA… un’amica…una conoscente non bella…ma tanto speciale

…non crediate che sia facile parlare o descrivere qualcosa che non esiste…e da calore ma non esiste..come se uno pretendesse di riscaldarsi dopo aver fotografato l’ombra del sole, sdraiandosi comodamente alla sua ombra luminosa come non mai,supportato dalla mente raggi e calore: l’effetto ombra.Casi da ricerca sotto tutti gli aspetti clinici sia pure con tutti i limiti della scienza medica ancora troppo lontana dalla sapienza di Dio.Un esperienza sotto l’aspetto giornalistico più unica che rara per arrivare a comprendere il mistero, la relazione tra piacere volontà desiderio personalità orgoglio passione amore gioia dolore racchiusi in uno sguardo di un attimo capace di creare un muro di separazione di uno spessore che ricorda la muraglia cinese. La ratio cede il passo allo stupore permettendoti l’ingresso nel bel mondo del sublime, dell’amore o della disperazione nei sentieri dell’inconscio e lì ti fermi prigioniero di spazio tempo: l’aspetto più bello scaturisce  dal quotidiano, dai contatti con il mondo esterno, una telefonata che arriva, l’emozione per una parola, la segreta indignazione per una distrazione inavvertita dall’interlocutore, l’interruzione di un pensiero scatena il rifiuto e non è egoismo ma il senso della difesa del proprio scrigno. Il rifugio sicuro di tutti i propri sentimenti: la costruzione della mente a difesa del cuore e di uno scafandro del proprio corpo. La caratteristica più interessante la simultaneità di impostarsi per affrontare qualsiasi situazione senza scomporsi mai di fronte alla gioia io il dolore: nell’impotenza o nel sentirsi incapace di risolvere o di non  essere di aiuto si defila allontanandosi dal pericolo per il timore di una deflagrazione. Ha bisogno di idoli non riuscendo a rendersi conto di esserlo pur riconoscendo di farne parte quando ritiene il proprio corpo, una proprietà e non un dono di Dio. Fa il verso a tutti, un attrice nata, un artista mancata, canta recita innamorata di tutto il bello del creato e tra tutte le creature si ritiene la meno utile. E’ insicura trovando la sicurezza nel proprio nulla: non sopporta chi riesce a dimostrale l’esatto contrario e s’innamora lentamente di chi rispetta il suo nulla e le fa scoprire le capacità ricevute dal cielo. Di chi le vuol bene è gelosa senza concedere giustificazioni e se nota dei cali di tono sul piano affettivo soffre in silenzio fino ad esplodere. Se dovesse incontrare 100 casi diversi nel giro di un giorno ha la parola giusta per tutti impostandosi di volta in volta medico, sarta , dentista, infermiera, cuoca , artista : un  grande attrice. Generosa e buona d’animo senza volerlo riconoscere: dispettosa come una scimmietta.Non ammette esami: le danno fastidio gli elogi.Una persona per bene. Aiuta i bisognosi,gli ultimi. Un amore di mamma sposa nonna bambina: è una donna. Una molla: se casca rimbalza. E’ un attimo: non esiste. Riesce a trovare la gioia, è felice quando si ritrova con le amiche, un bisogno di insieme,  di comunità, di gruppo dove si canta, balla, si prega, dove si prega si incanta. Necessità che esprime con una parola: le ” vogline “.Se dovesse esistere non l’avrei incontrata: un ombra di sole, un raggio di luna. Come si chiama Giuliana , Liliana,Isabella , Paola pa, Grazia, Simona,Anna,non lo so: un articolo una calza di questa Befana 2017. Buona notte Befane.         Fiorello Paci cronista del vento…la strada.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>