Io Esdra…che cosa avrebbe scritto oggi…se non fosse nato Gesù…”gente di Gerusalemme… è morta la speranza”

Esdra cronista attento nelll’enumerare gli errori commessi dal suo popolo in contrasto con i prodigi per la sua liberazione dalla schiavitù d’Egitto.Dopo tanta umilazione, stava uscendo anche da quella sofferta  a Babilonia,un secondo esodo, grazie alla magnanimità del re di Persia.Un introduzione la sua da opera lirica…Io Esdra, all’offerta della sera mi alzai dal mio stato di prostrazione e con il vestito e il mantello laceri, caddi in ginocchio e stesi le mani al Signore, mio dio e dissi: ” Mio Dio, sono confuso,ho vergogna di alzare la faccia  , verso di te , mio Dio, poichè le nostre iniquità si sono moltiplicate fin sopra la nostra testa;la nostra colpa è grande fino al Cielo.” Da cronista di strada fa l’elenco delle colpe e dei colpevoli senza pietà per nessuno e senza risparmio.Inizia dai padri, dalle quattro mura allargandosi ai re,ai sacerdoti per finire prede e prigionieri di spada,rapina e disonore per essere caduti così in basso in Egitto ,e “in Babilonia come avviene oggi.” ma ora, per un pò di tempo, il Signore, nostro Dio, ci ha fatto una grazia: di lasciarci un resto e darci un asilo nel suo luogo santo…e ci ha fatto brillare i nostri occhi e ci ha dato un pò di sollievo nella nostra schiavitù;infatti noi siamo schiavi; ma nella nostra schiavitù non ci ha abbandonati:ci ha resi graiti ai re di Persia per conservarci la vita ed erigere il tempio al nostro Dio e restaurare le sue rovine, e darci un riparo in Giuda e a Gerusalemme. Duemila anni dopo.Io Esdra…avrebbe proseguito..è morta la speranza con le guerre…le stragi…le ruberie..le falsità..i..Dio falsi giuramenti…i delitti delle donne sbranate da leoni ruggenti…Io Esdra straccia le vesti nella disperazione… per non aver ubbidito a  quelle leggi dettate dal mio Dio sul roveto….fermati Esdra..Dio non è morto…passa quel testimone al povero cronista di strada di questo lungo esodo…III Millennio…sei rimasto  a Gerusalemme dopo il ritorno da Babilonia….Ma Babilonia è  anche qui caro Esdra e abbiamo la gioia e la fortuna di avere Dio in mezzo a noi…il Figlio del falegname…e la sua crocifissione continua  con le stesse colpe e colpevoli che hai denunciato tu…ma è viva la speranza..perché cristo è speranza:.:è fede e amore e non si stanca di tirarci su…attenzione però che il Cristo che guariva perché amava ripeteva sempre ai guariti…non peccare più..che non ti accada qualcosa di peggio..Io Esdra parlo al mio cuore alla coscienza…dobbiamo solo svegliarci  e smettere di far finta di essere buoni…dobbiamo esserlo e dimimostrarlo…se abbiamo ancora uno spazio di chiamarci cristiani…sembra che il cielo mi ascolti…si è aperta una finestra…una croce e una voce di Io Esdra…Dio è Misericordia…non lo sapevo…la vita è speranza.. E’ una piccola fiaccola…non spegnetela. Grazie a te..io Esdra.                    Fiorello Paci 

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>