INASPETTATAMENTE UNA TELEFONATA DA UN RELIGIOSO DI ROMA…salesiano SGB

PUO ‘ SUCCEDERE  DI DIMENTICARE DI AVERE ANCHE UN CORPO E DI FINIRE LA NOVENA A MARIA AUSILIATRICE PER RICORDARE CHE TRA LE COSE DA NON DIMENTICARE SICURAMENTE LA MEDITAZIONE IN BAGNO…una distrazione esagerata la mia, di 20 giorni abbondanti. Veramente troppi. Finita la novena a Maria Ausiliatrice e tanti aperitivi di Sodio Clo Bicar alle 12,25 squilla il mio fisso, pure lui telefono filato fisso. Dalla voce scandita, con quell’accento toscano che non molla mai, ho capito che ero stato chiamato da un amico di Roma castelli.Un salesiano di San Giovanni Bosco. Non ci sentivamo da Novembre: ha ricoperto ruoli importanti nella barca di Pietro. Comunicazione all’interno delle mura vaticane: 87 anni dimenticati nel suo bar più importante di Volterra. Un pò di Ginnasio insieme, un altro spazio durante la preparazione classico filosofica di san Callisto Appia Antica Roma e un anno bellissimo di Teologia all’Internazionale nei pressi di Ivrea Torino: quindi Florence. Campo base per il mio ingresso tra il mondo. Fa veramente piacere, oltre i figli, che un amico ricordi una parentesi di una vita. Sono quelle parentesi che l’uomo apre e il buon Dio,lascia ben chiuse. Sono felicissimo di essere stato un assistente salesiano, orgoglioso per aver insegnato,metodo educativo che sono riuscito che ero riuscito a trasferire all’Istituto Romano San Michele con il mio ruolo di Capo Sezione e aiutando a far rifiorire un ragazzo delle Medie non capito dalla sua scuola.In soli due mesi rimesso in condizioni di primeggiare con ripetizioni. Una mattina, in questo salone dove andavo dal San Michele sono sbucati un Direttore Generale e due Dirigenti del Ministero della Pubblica Istruzione da tre porte diverse da questa sala: colleghi del papà Dirigente. Hanno ascoltato tutta la lezione con un applauso: volevano sapere se avessi bisticciato con un Preside o un Provveditore. “Li sistemiamo noi”. Ho fatto una gran fatica spiegar loro che non ero laureato: avrebbero voluto che dirigessi un noto Istituto scolastico privato di loro amici. Avevo il contratto con l’Istituto Romano San Michele ed ero stato promosso capo sezione da pochi giorni. Piccole soddisfazioni di una vita condannata ad un cancro al cervello. Iddio fa quello che vuole: importante non voltargGli le spalle ed amare le cose che ha trasmesso al figlio per indicarle a noi…buona notte!                                                                                                                                           

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>