In ascolto del silenzio, concerto del creato nel giorno della Candelora

Mettersi in ascolto del silenzio tra nebbia e buio pesto nel giorno della luce si irrobustisce il cuore e si alimenta l’anima riuscendo a scoprire la gioia della pace. Un fine giornata della prima domenica di Febbraio con una quiete inusuale sui ricordi del giorno dal mattino a santa Chiara un tempio che ricorda la casa di San Gaspare Del Bufalo e una visita di san Giovanni Bosco di passaggio a Rimini.Una chiesa molto legata al nome di Maria.Al mattino la consegna di una candelina benedetta da tenere in casa per accendere quando si spegne la speranza. Oltre la piccola candela, dono del tempio che dovrei accendere quando scrivo,  mi ha accompagnato a casa il sorriso della pace.Un sorriso che mi ha introdotto nel  concerto del silenzio che sto ascoltando mentre la tastiera trascrive queste note.A volte basta poco per essere felici,quei gesti del cuore che non hanno bisogno di parole.Il linguaggio del silenzio che scende e tracima dal mondo della pace e dell’amore.Non sono gli angeli del cielo capaci di farci ascoltare una musica celestiale che rallegra l’anima e addolcisce l’amarezza del cuore ma il nostro bene fatto che sublimandosi  sale dalla terra al Cielo. Il corso dell’acqua che finisce in mare il sole esala e riporta alla sorgente. L’idroconcerto naturale del creato  che disseta e ci battezza e assicura il lavoro ai pescatori e agli ortolani.Il bene che  facciamo il cielo lo riceve e lo trasforma in musica e parole che possiamo riascoltarci quando scende la nebbia con la solitudine che cerca di annientarci.Credetemi che è bello sentire questa musica del bene fatto da fratelli che non conosciamo…che il cielo riesce a trasformare in pioggia invisibile….l’amore non ha bisogno di clamore…incenso di un fratello sulla terra che ti vuol bene e conosce i tuoi problemi o la preghiera di un amico  che  ti segue dal cielo…tutta musica  che il cuore ascolta nel concerto del silenzio…poi la notizia dello Spallanzani blindato nel silenzio ha riacceso la speranza ai fratelli colpiti  dal viruscorona…quindi anche una candelora di traverso con il silenzio può trasformarsi in gioia piena…il silenzio è d’oro.      Fiorello Paci



  

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>