Il pesce Ago

Nuova immagine (18)

Nell’acqua del mare ci sono i cavallucci marini e i pesci ago, loro parenti stretti; vi voglio raccontare la loro storia.
Nell’acqua del mare ci sono i pesci e tante altre belle cose, ed anche montagne e vulcani, un mondo sommerso che un tempo tanto lontano stava in superficie.
Poi ci furono tanti sconvolgimenti, glaciazioni, inondazioni, terremoti e la Terra a poco a poco, lentamente lentamente, si trasformò così come è ora.
E a poco a poco, lentamente, lentamente, la Terra si sta ancora trasformando perché è una cosa meravigliosamente viva.
L’uomo a volte la disprezza ma è un dato di fatto che la Terra è quasi eterna mentre l’uomo vive solo un attimo.
Comunque vi volevo raccontare dei cavalli che vivevano liberi e selvaggi, ma poi furono avvisati che sarebbe arrivata una grande inondazione, dovuta allo scioglimento dei ghiacci, là proprio dove vivevano loro.
I cavalli decisero, una parte di spostarsi lontano, ed intrapresero così un lungo viaggio, verso terre inesplorate.
Un’altra parte di cavalli preferì rimanere, non lasciare i propri luoghi, e di adattarsi ai cambiamenti.
Così fu che oggi vedete i cavalli sulla terraferma, che sono simili a quelli di migliaia di anni fa.
Poi vedete i cavallucci marini, molto rari da trovare, che sono la trasformazione che hanno subito adattandosi al loro territorio.
Infine ci sono i pesci ago, l’altra trasformazione dei cavalli, i quali sono meno affascinanti dei cavallucci marini, ma hanno ancora la particolarità di apparire a riva per giocare con i bimbi divertendosi a sgusciare dalle loro mani con velocità e quasi nitrendo col loro musetto allungato.
Un tempo di questi pesci ago ce n’erano tanti, ma l’incuria dell’uomo per l’ambiente in cui vive, ha causato la loro scomparsa.
Però, sembra che abbiano voglia ritornare……li ho visti anch’io nel mar ligure nel lontano 1946…a Varazze dopo qualche giorno dal mio arrivo per il NOVIZIATO…la mia vita è sempre stata un noviziato.Un bel pezzo da buona notte.Grazie: Paola una bella colonna del giornale IL VELIERO…( fiorello paci)

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>