Due aspetti per il virus corona come richiamo di Dio: Il Papa e il si o no.

La chiarezza che manca per capire l’importanza dell’uomo nella sua  naturale integrità di  corpo e anima.Due mondi in una stessa persona che  non si disintegrano da convivere armonicamente con  gli stessi identici bisogni da poter vivere serenamente. Una vita da poter crescere in due tempi, come in una partita di calcio.Ma non è un gioco o un campo di calcio ma due vite: una tra spazio e tempo e l’altra nell’eternità. E’ la seconda che sta molto a cuore a Dio e ci richiama se nella prima perdiamo di vista la seconda dove il male non esiste e non può farci nulla il suo nemico.Nella prima, Dio che è solo amore può richiamarci in ogni maniera per riportarci sulla strada maestra che conduce alla seconda. Il mondo dell’anima dei nostri padri.Dobbiamo solo ringraziarlo e invocare la sua misericordia per soffrire il meno possibile.E’ quanto sta facendo il nostro Papa Francesco da farci capire il primo aspetto di questo virus come richiamo di Dio.Non si scappa amici lettori: questo il senso del pontificato di questo vescovo di Roma che non è stato capito dagli stessi pastori e dai media.Chiedere perdono per gli errori commessi dagli stessi pastori e misericordia sempre per uscire dalla condanna di Dio per sempre.Evitare la dannazione delle nostre anime come si evince dalla bibbia e dai vangeli.I profeti e le le anime , Don Bosco santo che ripeteva sempre a Dio.. “dammi le anime il resto non mi interessa” e aveva tutto da Dio.Importantissimo la preghiera del Papa nel chiedere misericordia per tutti i nostri errori per capire il richiamo di Dio con questo virus.L’altro aspetto il principio attivo per stabilire che è un richiamo di Dio si capisce dallo stesso virus che non permette di dire bugie al contagiato.Spiegato da Gesù quando ammonisce di non usare il doppio linguaggio per nascondere a verità. Sì o no sia il vostro parlare. Il contagiato il virus lo riceve e lo ritrasmette a  qualcun altro: uno non può negare.Un timbrato non può dire di non sapere niente.Una catena di timbri che si possono evitare senza farsi timbrare…della stessa  famiglia Timbri HIV. Standosene in casa a pregare ..piangere …cercando una consolazione sullo sguardo di Maria sotto la Croce.Un richiamo da far capire al mondo che la nostra vita non si chiude o si apre per un arco di tempo lungo o corto.Il regno della  Vita inizia proprio quando finisce il tempo del nostro corpo che tornerà a risorgere figurativamente come l’attuale, ma  con leggi  diverse per assenza del peso del corpo….Grazie  o mio Dio, nella tua  grande misericordia alleggerisci questa Croce…siamo in Quaresima.Grazie di questo richiamo e dopo questo Papa Misericordia  un altro Papa che richiami il modo alla bellezza dell’anima..che va curata come abbiamo curato il corpo…troppo da trascurare l’urlo dell’anima…  Fiorello Paci

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>