Del politico guardo la competenza,l’onestà, il senso comunitario,la temporaneità

Oggi è stata una giornata così,non bella al m attino: splendida al pomeriggio quando  ho avvertito che il tempio di santa Chiara si è riempito di suore.Stavamo invocando l’aiuto di Maria con l’antica preghiera delle litanie. Non sono  bla bla  delle nonne, ma vere invocazioni  per il tempo che stiamo vivendo: invocazioni sulle  specificità riconosciute, a Maria, madre di tutti. Probblemi che ha risolto nei vari periodi di difficoltà della sua Chiesa. E’ la madre della Chiesa  ma è anche  mamma di tutti, per la sua veste di genitrice del Cristo Gesù. La cosa che mi ha maggiormente sorpreso, non stupito, quando ho appreso la  provenienza di quelle sorelle suore, quando son venuto a saperela loro peculiarità vocazionale. Suore della grande famiglia salesiana. La mia scuola, la mia formazione che mi  induce  sempre a familiarizzare con tutti. Un bisogno  di cercare  negli altri quel bene che Dio ha nascosto in ciascuno di noi. Non si tratta di una stupida curiosità per aprire un dialogo conversando o cercarne la benevolenza: debbo  valorizzare quanto uno possiede senza che se ne sia  mai accorto.  E’ la ricerca del belloda poterlo utilizzare.Se uno si convince di non avere nulla di buono rischia di finire nel fango, per non valere niente come se fosse un discriminato.E’ importante. Tutti infatti dovremmo conoscerci  da poterci presentare a  Dio senza paura, a chiusura del bilancio.Il nostro resoconto per  doni ricevuti. Saremo interrogati sull’uso fatto dei doni ricevuti, che il Cristo ha definito talenti. Visto che siamo ancora  in tempo per evitare la condanna  senza doverc vergognare quando il Re dei re ci farà l’elenco dei doni ricevuti, con il disagio per non averli neppure conosciuti o o ancor peggio se li avessimo ignorati. Il mio impegno, il mio insistere sulle capacità evidenti con  persone distratte che non vogliono ammettere di possedere la loro bellezza  nascosta nell’anima che  si ostinano a non riconoscere. Se poi ho l’opportunità di imbattermi  in una persona che nonn  conoscevo, un incontro fortuito o casuale voglio seguirlo fino alla soluzione. Dio è Provvidenza silenziosa, veloce nel bisogno: ascolta e provvede.Basta chiederglielo, lo ha  detto espressamente Cristo Gesù in Galilea.Oggi purtroppo è prigioniero nei Tabernacoli o rinchiuso negli armadi  di antiche e belle sacrestie:  sono musei di legno. La fede ha perduto lo smalto, i miracoli sono diventate sceneggiate, c’è il vuoto,il computer, la calcolatrice, la consistenza.Poca preghiera  con una ricerca  impdllente di danaro per tamponare spese folli,imperiali. Ponti di comando di un cristianesimo destinato al fallimento. A Sata Chiara di  Rimini oggi pomeriggio abbiamo ripreso il consueto incontro di preghiera  per i matrimoni spezzati dalla scomparsa. Ogni volta abbiamo quella certezza nella  preghiera che trascende dal consueto e  si evince, si capisce che il matrimonio non finisce con la morte del familiare. Di fatto un  matrimonio vero, sacramentale non muore mai. Partecipando a Speranza e Vita si riapre un evento c he ne fa recuperare il valore,nonostante dovesse riaprirsi uno spiraglio da vivere serenamente. C’è il riscchio ditrasformarsi in  pesi o impicci da scaricare nei porti riposo  o in  paradisi artificiali. E’ impagabile invece un sorriso per continuare a vivere: spezzare insieme un pezzo di pane. Darsi una mano per non cadere : sono grazia di Dio camminare e sperare. Avrei dovuto parlare di politica: un carisma che ho ricevuto da Dio e non voglio presentarmi al bilancio come un cretino. Sul prossimo articolo  cerccherò di dare un idea  del progetto Isaia da sviluppare uno stato ipotetico  fondato sulla giustizia per  l’equa spartizione del profitto da garantire sviluppo e investimento. Da riconoscere  come motore il merito e capacitàa supporto di produzione, distribuzione  e consumo. Leggi e legislatori: Istituzionalismo e lavoro. Governo e comunicazione. Informatica e uomo. La terra  nel progetto isaia è al centro dell’economia.       Fiorello Paci….Isaia

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>