CHE SORPRESA leggermi sul mio smart fon..IL VELIERO nel mondo,rossoazzurra.it Va !

Non  avevo mai pensato,neppure immaginabile l’idea di fare un giornale da poter essere letto nel mondo contemporaneamente in America, in Cina o in Giappone in Alaska e all’Equatore in Terra o al Polo dove andò a schiantarsi il Dirigibile Italia.In Sud America, in quell’Africa Italiana delle elementari tra quei banchi dove sognano i bambini e piangono spesso se le cattedre diventano tribunali o vi salgono a ragliare degli insegnanti.Una bella responsabilità anche  scrivere, equivale seminare ed è fortunatamente il  raccolto e non il voto che ti giudica,ti boccia o ti promuove: l’avevo capito e ho fatto subito la mia scelta di non allontanarmi mai  dalla gioia o dalla SPERANZA, I GRANDI BISOGNI DELL’UOMO D’OGGI. Un impegno, che proprio nell’occasione della festa di San Giovanni Bosco, educatore e didatta,rivoluzionario riuscito a trasformare la scuola da teoria a laboratorio:il mio giornale, IL VELIERO, da impegno diventerà missione,messaggero di pace e di amore. Una promessa che rinnovo ai miei tre lettori, una carezza a chi mi sta vicino seguendo questi scarabocchi di bambino.A mantenere questa posizione e  a proseguire mi sono di conforto le parole del Maestro quando afferma che non entreremo nel regno dei Cieli se non “diventiamo” come bambini. Proviamo a confrontarci con il loro sorriso, il loro candore, la dolcezza dei loro occhi,la serenità,diventeremo più buoni. Non lasciamo perdere  il loro rimprovero…mamma..papà…ma come mai…e qui solo da rabbrividire osservando la cronaca di tutti i giorni nei telegiornali.Amici lettori, lettrici ci rendiamo conto che l’odio, il rancore, l’egoismo, la passione hanno rotto gli argini e non hanno più confini: è in corso una guerra tra le quattro mura. Parlano le testimonianze” abbiam sentito delle urla, uno sparo,sentivamo piangere, ma non  da adesso” Amici miei…dobbiamo intervenire subito, avvertire le forze dell’ordine, le autorità comunali se siamo persone responsabili: non diventiamo complici, assassini. In certi casi il silenzio è una partecipazione al delitto. Bisogna fare una legge evitare tutti questi delitti di donne Mi spiace dover dire queste cose e se fossimo persone civili e non vigliacchi potremmo evitare delitti passionali: non posso vedere le persone sole. Manca il senso della famiglia per la cacciata di Dio dalle case: il suo posto è stato preso da  alcol e droga.Purtroppo  un bicchierino allontana la paura ma ha triplicato malfattori e assassini: per un pò di roba, denaro o capitali scompaiono gli “anziani”. Mi piace la sicurezza e più della sicurezza il lavoro: Rimini troppo aperta d’estate. Poco controllo che favorisce il lavoro nero che diventa sporco d’inverno fino a quando la gente mangia. E’ un problema  da risolvere: un applauso alla Caritas e ai frati di Santo Spirito. Cristiani. Oggi la festa di San Giovanni Bosco: marina centro. Lo spazio di un gran bel cortile: cosa avrebbe fatto San Giovanni Bosco oggi ? Ricordo solo una cosa:a Sanpierdarena durante la guerra c’era uno spazio per  sfollati ed ebrei. A Rimini grazie al Cielo non siamo ancora a questi livelli: il cuore dei riminesi non si è mai tirato indietro di fronte al bisogno.           Fiorello Paci

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>