CARLETTO IL DRAGHETTO

130846050-media-83dcc0ec-65d8-403d-8ec6-8734d147ec4f

Dopo tanto gattonare, Carletto andava veloce come un razzo, proprio come il suo gatto, ora sta su due piedi. Non sa Carletto perché gli sia venuta la voglia di andare a due zampe, forse per imitare la mamma e il babbo. E’ una fatica stare su due piedi, Carletto riesce a fare solo due o tre passi, poi si butta giù e va a gattoni, non sa proprio perché ha così tanta voglia di andare coi piedi, non lo sa proprio…è una fatica. La mamma gli mette un’infilata di sedie a cui lui si appoggia,e gli dice:”Bravo, bravo, fra un po’ camminerai”. Forse è importante si dice Carletto e si raddrizza a più non posso, si impegna al massimo, stringe i denti e parte in quarta, uno, due, tre, e via, non riesce a fermarsi, non sa come fare a fermarsi, si appoggia ad una superficie…”ahi che male era bollente, ua, ua, uaaa” era il vetro del forno. Via subito dal medico,a Carletto il medico proprio non piace, e ritorno a casa con le mani bendate, almeno il dolore è scomparso, forse il medico serve a qualcosa. A dieci mesi Carletto ha imparato che esperienza non vuol dire altro che hai preso un sacco di batoste…come si fa ad imparare  senza esperienza? Sarà possibile?                                                   …..Anna calante….Luna a ponente….mi sa che tu….hai lo specchietto avantretro per osservare il mondo che gira dai meridiani paralleli e l’Equatore con fiore sat.artificiale…porca mai ali ai sat….Nespola si è scottato alla maniglia del forno…che Tu…turututu…hai visto con il sat…fior del Mare. Punto e svirgola; !

 

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>