BORGO SAN GIULIANO …albero e Presepe di Natale della bella Rimini

Tra i vari borghi di Rimini, il borgo san Giuliano nonostante i tanti travasi e numerosissimi innesti, riesce ad esprimere l’antico profumo di Natale e sulla sera con i lavori sull’invaso da una suggestiva  immagine di Venezia. Sono le luci la magia del del Borgo, del Borgo Natale un pò di Gerusalemme. Sentire lo smartellare  dell’artigiano dopo il calar del sole o luci accese sulle stradine tra la chiesa e il Matteotti o verso il parco vedi la Rimini operosa di ieri che il tempo ha fermato e risorge  illuminando il Natale. Non c’è bisogno che raccontino le pietre fino a quando l’uomo resiste  all’invasione dell’intelligenza artificiale. Sciogliendo le briglie alla fantasia lasciandole spazio da spingerla  ad entrare tra diari di ieri potresti trovarti accanto a Fellini che borbotta con la Masina…s’imbroncia per non ricordare  il forno Bruschi…era qui indica alla moglie…ma guarda là..quel pataca di Titta…nnnamoce pure noi…dla Marianna…ma che stai a dì…ribatte la Masina…oppure potresti immaginare  un angolo di Bethlem spostandoti verso la 23 Settembre accolto da un insegna Max/Laura: la piadineria del sorriso. Due tavoli con Giuseppe e Maria in cerca di una locanda a Gerusalemme  per il censimento. Laura molto attenta avverte il disagio di Giuseppe osservando il pancione di Maria offre due piade farcite di prosciutto, formaggio e chiede  a Giuseppe parlandogli piano nell’orecchio…che a due passi dietro casa c’è un pastore a con un paio di stanze…e l’affida  ad una cliente che porta sempre qualcosa agli animali randagi. Una piadineria speciale aperta al bisogno e  alle emergenze: la grotta di Bethlem. Le amministrazioni comunali dovrebbero tenerne conto di negozi che onorano lo spirito di accoglienza di questa città…e non sarebbe Natale se non si aprissero queste finestre di amore. Parlando del Borgo non si possono dimenticare gli animatori della festa più amata dell’anno…il primo della scala, principe dell’Albero che da ragazzo andava a  ritirarli in Trentino dopo  essere arrivato al mattino da Palermo per consegnarli alle famiglie nel pomeriggio…questo caro amico Renato Berti commercialista ci ha lasciato da poco. Il suo ricordo la luce più bella del mio alberello e l’albero più fruttuoso rimane sempre il cuore e l’inverno 2013 il più luminoso di questo Borgo…in tre minuti scrissi l’inno del Borgo…SAN GIULIANO VIVE…IL BORGO VA…il borgo c’è. Dal Veliero un abbraccio ad Anna ed al figlio, bandiere dell’amore al vento di questo Borgo Natale. Buon natale dal Borgo san Giuliano…ciao monti…buon Natale a te mare d’inverno.         Fiorello Paci  

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>