BEATA RIMINI CON UN RAGAZZO INGEGNERE SANTO COME MARVELLI

IERI 5 DI OTTOBRE anniversario della Beatificazione di Alberto Marvelli una piantina del giardino salesiano nella Diocesi di Rimini sulla linea di Pier Giorgio Frassati di Torino, due ragazzi sugli Altari della Chiesa di Roma. La gioia di santificarsi un’ energia che smuove le montagne per Alberto non è riuscita a smuovere le ruote di un Doge americano, i camion statunitensi che seguivano le truppe nei loro avanzamenti verso il Pò dopo i massacri lungo la linea gotica l’ultima speranza di Hitler di contenere l’esercito americano.Dopo la sconfitta definitiva subita dalla Germania nazista molti di quegli automezzi sono finiti in campi di raccolta di tutti i residuati bellici. Il giovane ingegnere era stato chiamato in consiglio comunale con l’incarico di Assessore. Molto attento all’impegno politico assunto controllava  personalmente i lavori raggiungendoli con la sua bici. In uno di questi spostamenti è rimasto vittima del’automezzo bellico. Non riusciva ad iniziare la sua giornata lavorativa se prima non avesse partecipato all’incontro con Cristo assistendo alla celebrazione Eucaristica, la fonte del suo amore per gli altri e sua energia da non risparmiarsi. Chi conosce superficialmente Rimini stenta a capirlo come abbia fatto a crescere e rimanere fedele al proprio impegno con Dio un ragazzo di una città presentata sempre come un divertimentificio: non è così Rimini ha un cuore grande e va solo saputo prendere che tende a  nascondersi. Il nazzareno li avrebbe saputi avvicinare come riusci va San giovanni Bosco o Don Oreste Benzi. Bisogna solo andarli a cercare dove si trovano. Alberto Marvelli i primi approcci con il Cristianesimo con la gioia di conoscerlo sempre meglio da poterlo amare per metterlo in pratica li ha avuti nell’Oratorio Salesiano di Marina Centro. Oggi è Beato e al primo miracolo potrebbe diventare il Santo protettore dei ragazzi. Rimini è una fucina di figli prediletti da Dio.

 

 

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>