A VOLTE LA FELICITA’ E’ FACILE

lampascioni-olio-sale-e-pepe

La campagna è in fiore, è primavera, è rinascita, risveglio, Resurrezione. Abito in campagna da sempre, ma ogni anno mi stupisco della moltitudine dei fiori degli alberi da frutto e delle erbe selvatiche commestibili che spuntano ai bordi dei campi. Oggi durante la solita passeggiata giornaliera che costeggia i campi e il fiume Ronco ho notato che sono fioriti i muscari, coi piccoli campanelli blu, che gli inglesi chiamano giacinto/uva, forse è per questo che ho collegato i muscari alla Settimana Santa, perché il giacinto è un fiore collegato alla morte del giovane Giacinto ucciso per sbaglio da Apollo e l’uva dà il vino che diventa il Sangue di Cristo nell’Eucaristia. I muscari sono fiori bellissimi che hanno il bulbo, questo bulbo è edile ed è chiamato lampascione. Nel Salento è una vera leccornia, dove esiste una caratteristica figura di contadino povero che durante il periodo vegetativo della pianta armato di una particolare pesante zappa a lama stretta andava alla cerca dei bulbi, sino a quando non avevano riempito il paniere, per poi andare a venderli. Il lampascione è il protagonista, nel primo venerdì di marzo ad Acaya, in provincia di Lecce, in occasione della ricorrenza della Madonna Addolorata, più comunemente nota come Madonna del lampascioni. Un’antica leggenda popolare narra che un 1° venerdì di marzo di più di un secolo fa una barca carica di gente naufragò sulle coste del Salento, molti dei naufraghi, dopo aver pregato la Madonna Addolorata, riuscirono a mettere piede a terra e nel primo villaggio che incontrarono,Acaya appunto, organizzarono festeggiamenti in suo onore con canti, balli, mangiando lampascioni di cui la zona è ricchissima. Con questo racconto voglio solo cercare di dirvi, che la bellezza è anche nelle piccole cose. Uscire di casa con una zappetta, facendo una passeggiata, raccogliendo mazzi di muscari, da mettere sul tavolo in un vaso di vetro con l’acqua, scovando i bulbi, cioè i lampascioni e portarli a casa per lessarli e poi rosolarli facendone una buona frittata con l’aggiunta di un po’ di parmigiano, è alla portata di tutti, a volte la felicità è facile.

http://teodericaforum.blogspot.it/

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>